lesioni da decubito oss

Lesioni da decubito oss

Lesioni da decubito oss. Quanto è importante la figura dell’operatore Socio Sanitario nella medicazione delle piaghe da decubito.

Il ruolo dell’oss è di fondamentale importanza nella gestione delle lesioni da pressione e in questo articolo vedremo perché è così importante e come opera attivamente l’oss.

Ma prima di parlare nello specifico dell’argomento, spieghiamo brevemente chi è e cosa fa l’operatore socio sanitario (oss).

Chi è l’OSS

L’operatore socio-sanitario abbreviato con l’acronimo oss è colui che aiuta i pazienti non autosufficienti a migliorare la qualità della loro vita.

Tutto questo a seguito di attestato di qualifica conseguito attraverso un apposito corso professionale che viene approvato dalla pubblica amministrazione regionale competente.

L’oss è quindi una persona che assiste persone non autosufficienti e con disagio psichico, fisico o psicomotorio, in collaborazione con tutti gli altri professionisti sanitari quali ad esempio medici e infermieri.

Lesioni da decubito ruolo dell’oss

Lesioni da decubito oss: qual è il ruolo dell’oss nel trattamento di questa problematica particolarmente limitante per i pazienti?

L’operatore, coordinato dal team di medici e infermieri, è necessario che collabori con queste due figure per poter fornire le cure necessarie al paziente che soffre di lesione da pressione.

Alcune delle procedure possono essere svolte in autonomia dall’oss, in altri casi invece funge da semplice supporto.

In quanto certe operazioni vanno fatte sotto supervisione del medico.

I primi passi dell’oss nel trattamento delle lesioni da pressione

Prima di iniziare è importante che l’operatore socio sanitario si interfacci con il medico e l’infermiere che hanno in carico il paziente.

Questo perché l’oss deve avere un quadro generale della situazione della persona che deve assistere.

Sapere quali sono le precauzioni da prendere con il malato, sapere come gestire correttamente la sua igiene personale e sapere come e quando va spostato.

Piaghe da decubito: cosa fa l’oss materialmente

L’oss e le piaghe da decubito: quali sono le attività che deve svolgere l’operatore?

Fatte le dovute premesse, possiamo dire che l’attività dell’oss si svolgono nel corso di tutta la giornata e non si risolvono in poche semplici operazioni.

Igiene personale lesioni da pressione

La prima cosa che deve fare un oss per gestire un paziente che soffre di lesioni da pressione è curarne l’igiene.

La pulizia è imprescindibile ed è la prima cosa che va fatta ogni mattina per assistere il malato.

Va fatta con scrupolo e delicatezza. Se vi sono problemi estesi alla cute del paziente l’operatore socio sanitario è tenuto a darne notizia all’infermiere.

Questo al fine di evitare che le piaghe da decubito possano peggiorare, ma anche per prevenire l’insorgenza di nuove lesioni da pressioni.

La mobilizzazione del paziente

Secondo punto importante quando parliamo di lesioni da pressione e oss, è la mobilizzazione del paziente.

Il paziente allettato va messo, dopo essere stato lavato correttamente, in posizione comoda.

Non è facile, perché bisogna agire in maniera delicata. Spostare l’allettato per posizionarlo in posizione confortevole senza tuttavia trascinarlo.

Il paziente deve infatti essere sollevato con delicatezza.

In caso l’oss non fosse da solo in grado di sollevare il peso, è sempre meglio che venga aiutato da un altro professionista, medico o infermiere.

L’importanza dell’alimentazione

Terzo passaggio, o compito, dell’operatore socio sanitario è quello di occuparsi dell’alimentazione del paziente.

L’operatore deve svolgere un ruolo attivo, supportando il paziente e spiegandogli come alimentarsi nella maniera corretta.

Controllando soprattutto che la sua dieta sia equilibrata, contenga molti liquidi e tutti i nutrienti necessari per stimolare il corpo a mantenersi sano.

In questo modo possiamo prevenire l’aggravarsi delle lesioni da decubito o l’insorgenza di nuove piaghe.

Come prevenire le lesioni da pressione

Lesioni da decubito oss: come si prevengono le piaghe? È possibile parlare di prevenzione?

Assolutamente sì. Anzi, la prevenzione è un tema centrale e fondamentale nel ruolo dell’oss per il trattamento delle lesioni da pressione.

L’oss deve attenersi, pertanto, a un protocollo specifico e seguire le procedure corrette.

Tra i passaggi attivi dell’operatore abbiamo visto prima che è molto importante la mobilizzazione del paziente.

Questa deve essere costante durante tutta la giornata. Infatti al fine di prevenire lesioni da compressione, l’oss deve fare in modo che il malato non passi troppo tempo seduto o sdraiato in un punto preciso del corpo.

Una compressione prolungata, infatti, rischia di far peggiorare una lesione già in essere o di farne insorgere di nuove.

Lesioni che possono addirittura diventare, in determinati casi e per determinati paziente, ulcere da decubito.

Anche lo sfregamento è uno “stato” che va evitato. L’operatore deve curare il paziente, facendo in modo che questo evento si verifichi il meno possibile.

Per quanto riguarda l’oss e le piaghe da decubito, abbiamo quindi imparato che questo operatore svolge un ruolo attivo e di primo piano nella prevenzione e nel supporto al malato.
In collaborazione con medici ed infermieri esperti.

Cosa non può fare l’OSS

Lesioni da decubito oss: cosa non può fare l’operatore?

Abbiamo visto che il ruolo dell’oss si concentra principalmente nella prevenzione delle piaghe da decubito (oss).

L’operatore però, non deve medicare le ferite in maniera autonoma senza l’ausilio del medico o dell’infermiere.

Certo in caso di sostituzione di piccole medicazioni e operazioni di pulitura, l’oss può certamente agire in tal senso.

Soprattutto in caso di lesioni da pressione di primo grado che non presentano una vera e proprio a ferita aperta.

Chiaro è che l’operatore, prima di prendere qualsiasi iniziativa avventata, è tenuto a chiedere o informarsi preventivamente con il medico o infermiere competente.

Per lesioni più gravi, l’oss può al più svolgere un ruolo di aiuto e di supporto al resto del team.

Torna su